Spumante LasteRosse

Quando l’acidità del Groppello diventa Spumante

Questa è il racconto della nascita di un’idea, lo spumante di Groppello e di una caratteristica molto importante da conoscere quando si parla di vino, l’acidità.

L’acidità è un elemento indispensabile per la freschezza dello spumante, la giusta acidità è fondamentale per la qualità, la gradevolezza e la sua conservazione. Il Groppello o Groppello di Revò, per chi non lo conosce, è un vitigno autoctono trentino, coltivato in Val di Non e vinificato per produrre vino rosso, molto particolare con una speziatura di pepe e un’acidità importante.

Spumante di Groppello
Pietro, mio marito, voleva rendere questa acidità caratteristica e sempre presente nel vino Groppello un punto di forza insomma. Subito l’idea è stata quella di provare a spumantizzare il Groppello.

L’unico spumante di Groppello

L’intuizione è arrivata durante un’ impegnativa  merenda con l’enologo Walter Webber. Mentre si parlava di Groppello, un vino che per qualcuno non gode di buona fama ma dalle potenzialità enormi e in parte ancora da scoprire.

Per produrre Spumante, di solito, si procede con una vendemmia anticipata, quando l’uva non è completamente matura in modo da avere un’acidità elevata, ma tutto questo al Groppello non serve.

Inizia così, con la vendemmia 2014 una nuova avventura e il Groppello è diventato dopo quattro anni un Vino Spumante di Qualità, millesimato ed extra brut. Le uve in purezza vengono lavorate con il Metodo Classico e questo Spumante blanc de noir è davvero unico.

Spumante di Groppello -metodo-classico-cantina-lasterosse

Lo spumante nato dal Groppello è unico sia per il vitigno che per la sua uva che viene sempre raccolta a giusta maturazione. Unico per il territorio dove viene coltivato, per le rocce rosse che danno anche il nome alla nostra cantina (ricordo che  siamo in montagna a 730 m. di altitudine).  È particolare e unico per il clima alpino, per le escursioni termiche e la luce della Val di Non. E ancora, perché ad oggi, la cantina Laste Rosse è l’unica che produce spumante di Groppello.  

Spumante LasteRosse

Cosa c’è da sapere sull’acidità del vino

L’acidità del vino è la somma degli acidi in esso contenuto e la nostra percezione di acidità in bocca va ai lati della lingua quando degustiamo. L’acidità è freschezza e giovinezza ed è coinvolta nel processo di conservazione del vino, nel colore, nel sapore e nell’odore.

acidità - Spumante di Groppello
Un vino è composto da diversi acidi sia provenienti dall’uva che prodotti dalla fermentazione, questi acidi cambiano, si trasformano o scompaiono nel tempo. Gli acidi principali del vino sono tartarico, malico e lattico.

L’acidità totale viene espressa in grammi per litro di vino e si divide in acidità fissa e acidità volatile. L’acidità fissa, che cambia con il passare del tempo è composta da acido tartarico, malico e citrico. Nell’acidità volatile invece, cioè quella che si libera nell’aria, rientra principalmente l’acido acetico.

La parola acidità, è una parola che ricorda il limone, l’aceto e la sensazione quasi da brivido, a cui rimanda quel tipo di sapore.

È importante ricordare che l’acidità per essere qualità, deve trovare il giusto equilibrio.

Silvia Tadiello

View posts by Silvia Tadiello
Mi chiamo Silvia Tadiello, sono un perito agrario, mamma, moglie e donna del vino. Sono nata in pianura, nella terra tra i due fiumi e dal 2010, le montagne che mi hanno abbracciato, sono diventate casa, ispirazione e scoperta. L'idea del blog nasce dalla voglia di raccontare attraverso i miei occhi la meravigliosa avventura che è essere una produttrice di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top