Risotto al vino Groppello di Davide Zambelli

Risotto al vino rosso Groppello è il piatto che ho voluto cucinare con Davide Zambelli. L’appuntamento era nella sua
cucina azzurra, location molto colorata e conosciuta per i tanti video che questo giovanissimo ragazzo produce per il suo Blog, un sito attivo di ricette, ma per problemi di pentole si è fatta in casa LasteRosse.

Davide Zambelli lo conoscete, è personaggio pubblico, è arrivato fino alla Rai ma io lo voglio raccontare a modo mio.
Solare, abita in Val di Sole! Lo conosco da un paio d’anni, ogni tanto ci facciamo delle lunghe chiacchierate telefoniche. Ho sempre notato il suo modo di essere così disinvolto in ogni situazione, la sua capacità di mettere a proprio agio gli ospiti con gentilezza e sempre con la battuta pronta. Un chiacchierone.

Il suo modo di fare e di vivere piace molto alle donne, anche donne di una certa età. Lo guardo spesso con stupore. Le sue armi di semplicità e ironia arrivano davvero veloci al cuore delle gente. Comunica con un linguaggio giovane attraverso delle video ricette sul canale You Tube. Lui si definisce un Food Blogger, io aggiungo spontaneo e divertente. Seguitelo su Le Ricette di Cucina di  davidezambelli.com

E dopo le presentazioni passiamo alla cucina, la mia cucina che viene usata come set del nuovo video con Davide Zambelli. Iniziamo con grandi spostamenti di mobili per trovare la giusta luce, al di là della camera improvvisiamo come cameraman mia figlia Emma che con tono alto di voce partecipa attivamente alla ricetta ed evoca lo start del video.

Ricetta Risotto al Groppello

Ingredienti per 4 persone:

130 gr riso Carnaroli
2 bicchieri di vino rosso Groppello
1 filo d’olio extravergine di oliva del Garda

Per la mantecatura:

30 gr. burro freddo di montagna
80 gr. Trentigrana grattuggiato
spolverata di pepe nero

Procedimento:

Tostate il riso. Questa è una fase importantissima per esaltare il profumo di cereale. Mettete il riso a secco in una pentola antiaderente molto calda e mescolate finché sarà bollente. Sfumate con il vino rosso Groppello e vedrete che il riso assumerà immediatamente una bellissima colorazione rosso vinaccia.
Quando l’alcool sarà evaporato aggiungete un mestolo alla volta, di brodo vegetale caldo e mescolate spesso. Proseguite la cottura per almeno 15 minuti. Quando il riso avrà raggiunto la cottura al dente, spegnete il fuoco e mantecate con il formaggio grattugiato Trentingrana, mescolando bene e creando l’onda come dice Davide Zambelli. L’onda del riso che si muove all’interno della pentola.
Aggiungete il burro di montagna freddo da frigo in quanto porterà il riso a gonfiarsi leggermente per lo sbalzo termico creatosi. Per finire una diretta spolverata di pepe nero.

Passiamo all’impiattamento. Con il Risotto al vino Groppello abbiamo proposto un’idea di Buongusto servendolo in una ciotola monoporzione guarnita con petali di fiori e pensando di inserirlo come piatto di saluto iniziale dei nostri aperitivi estivi. La seconda proposta invece, è quella classica del primo piatto. Un Risotto al Groppello servito su un piatto bianco con un po’ di Trentigrana e qualche fogliolina di prezzemolo tritato.
Buon gusto!

Risotto al Groppello, unione perfetta tra riso e vino

Risotto al Groppello è la mia unione perfetta. Rappresenta nel piatto l’unione bellissima e opposta tra la mia terra d’origine, il Polesine, e la mia terra di oggi, la Val di Non. Il riso usato varietà Carnaroli nasce proprio nel Delta del Po, una terra  di pianura tra i grandi fiumi pieni d’acqua. Il vino invece è il rosso Groppello vino tipico della Val di Non, terra di montagna e di roccia. L’unione perfetta del riso che nasce dall’acqua e si incorona con il vino.

Silvia Tadiello

View posts by Silvia Tadiello
Mi chiamo Silvia Tadiello, sono un perito agrario, mamma, moglie e donna del vino. Sono nata in pianura, nella terra tra i due fiumi e dal 2010, le montagne che mi hanno abbracciato, sono diventate casa, ispirazione e scoperta. L'idea del blog nasce dalla voglia di raccontare attraverso i miei occhi la meravigliosa avventura che è essere una produttrice di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top